CASI CLINICI

             

Interventi eseguiti 30 anni fa

 

Monoimpianti

   
fig. 1   fig. 2   fig. 3 fig. 4
             

La protesi mobile (fig.1). Anestesia locale solo nel punto in cui verrà inserita la vite (fig.2). Con la punta del drill montato su contrangolo, a bassissima velocità, si perfora nel punto stabilito la compatta occlusale  (fig.3). Con il calibratore a mano si perfeziona il foro creato dal drill.  Si riposiziona il drill e con la radiografia si conferma il raggiungimento della corticale opposta  (fig.4). 

 
   
fig. 5   fig. 6   fig. 7 fig. 8
 

Dopo aver rapportato sulla vite il segno che indica la profondità necessaria, si riposiziona il drill per indicare la giusta direzione (fig.5). Si procede ora all'inserimento della vite utilizzando gli inseritori più adatti (fig.6 e fig.7). Si esegue un controllo radiografico a conferma che la vite è stata inserita correttamente; si possono inoltre notare le tracce fatte dalle spire nell' autofilettanza, evidenziate dalle frecce (fig.8). Tali tracce scompariranno in breve tempo.

   
fig. 9   fig. 10   fig.11 fig. 12
 
Sul moncone ridotto si esegue il solco necessario sia per lo scarico del cemento, che per ottenere un migliore ancoraggio della protesi (fig.9). In questo caso è stato adattato immediatamente il dente della protesi mobile (fig.10 e fig.11), per cui la Signora non ha subito alcun disagio estetico. La radiografia di controllo è stata eseguita dopo 9 anni dall'impianto (fig.12).
 
Impianto post-estrattivo immediato
 
     
 
     
 
Agenesia dei laterali superiori
 
     
           
Ragazza di 16 anni con controllo radiografico a distanza di 10 anni.
 
Impianto post-estrattivo immediato
 
   
 
 
                                   
Distali inferiori
                                   
                               
                                   
                               
                                   
                               
 

Distali superiori

 
                               
                                   
                               
 
   

Misti

           
                 
             
                 
             
                 
             
                 
             
                                     
 
*
 
             

*La riabilitazione della parte inferiore sinistra (nel 1984), è stata eseguita tenendo conto della precarietà dell'ottavo: un semplice taglio ne permetterà l'eventuale estrazione, lasciando intatto il resto della protesi.

             
 

 

  Tuber        
                   
                       
                       
                 
                       
         

         
 
Trauma su dente incisivo "impiantato" con vite autofilettante
questo caso è stato pubblicato su: Odontostomatologia & Implantoprotesi - n.5/1987
   
   

Un giovane di circa 35 anni si presentò nelle condizioni che la fotografia n.1 evidenzia, dopo un incidente in bicicletta. Esclusi, con l'esame obiettivo la frattura e la lussazione, fu il paziente stesso a ricordarmi che nel 1974 gli avevo estratto un dente irrecuperabile e l'avevo immediatamente sostituito con un impianto.

   
   
Dopo aver fatto una radiografia endorale, che escludeva qualsiasi lesione apparente a carico della vite, usando una pinza universale, cautamente, riportai in normo-occlusione il dente.
Questa è una sintesi di quello che è avvenuto esattamente 12 anni dopo l'impianto, nel 1986.

Tuttavia non manca una nota negativa, come si vede dalla radiografia: l'avvallamento dell'osso a livello del collo dovuto alla filettatura del gambo. Faccio notare che questo era un tipo di vite che avevo "stupidamente" modificato su richiesta di colleghi, che avrebbero gradito un bel moncone tradizionale. Nella fotografia si nota che il gambo della vite presenta una filettatura sulla quale veniva avvitato il moncone, fino al punto desiderato. Eliminai comunque presto questa modifica poiché riscontrai i medesimi effetti in altri casi. Risulta perciò evidente l'importanza del gambo liscio.

   
A tanti anni di distanza mi viene istintivo chiedere quanti impianti, dalle forme più disparate, sarebbero stati in grado di subire la stessa sorte senza frattura, né dell'impianto, né dell'osso.